Campionato Italiano Motocross Prestige 2018
Titolo MX2 a Michele Cervellin

Mondiale Enduro 2018 - GP Francia
Primi titoli ai giovani Matteo Cavallo e Ruy Barbosa

Campionato Italiano MX Junior
Assegnati a Ottobiano i titoli 2018

World Enduro Super Series 2018
A Josep Garcia l’Hawkstone Park Cross-Country

Campionato Italiano Major 2018
Alessio Paoli si porta a casa il titolo Top Class

Motocross delle Nazioni 2018
Romain Febvre out

AMA Supercross 20190
Honda HRC estende il contratto con Cole Seely

Novità KTM
Presentata la 450 SX-F Herlings Replica

Italiano Motocross Prestige 2018
Chiusura a Città di Castello

Campionato Italiano MX Junior 2018
Finale infuocato a Ottobiano!

13 novembre 2017
Condividi questa notizia

EICMA Motolive 2017

Salvini vince il Superenduro Internazionale

Il bolognese della Beta ha preceduto l'inglese Billy Bolt e Thomas Oldrati

La specialità che coniuga in una sola gara le difficoltà di una prova estrema, unite ai salti tipici del motocross ed alle derapate del flat track, ha offerto uno spettacolo fantastico agli increduli spettatori che hanno seguito gli specialisti dell’enduro sfidarsi su una pista pazzesca, nella quale innumerevoli ostacoli hanno reso arduo il compito dei piloti. Tronchi, fango, acqua, salti e rocce sono stati disseminati a regola d’arte lungo il tracciato, creando così le condizioni ideali per gare dall’esito incerto fino all’ultimo giro. In gara uno il britannico Billy Bolt (Husqvarna) ha la meglio nel secondo passaggio su Thomas Oldrati (Husqvarna) partito in testa, seguito a ruota da Alex Salvini (Beta) e da Giacomo Redondi (Honda) che però è costretto al ritiro nel corso del quinto giro, metre occupa la seconda posizione, proprio davanti al connazionale. Ne approfitta Davide Guarneri (Honda), che agguanta così il terzo posto, giungendo al traguardo davanti a Oldrati. Nella seconda frazione è di nuovo Oldrati a scattare davanti a tutti conquistando il Tissot Hole Shot, un’incertezza sul primo settore di rocce gli costa però diverse posizioni e Salvini coglie l’occasione, prendendo il comando delle operazioni seguito da Guarneri. Il passaggio nell’acqua del settimo giro è fatale per il pilota Honda che perde una posizione su Oldrati, mentre un funambolico Bolt passa Salvini, salvo cedere nel giro successivo la testa nuovamente al Campione del Mondo di Enduro del 2013. Il bolognese non commette più errori e riesce a contenere gli attacchi dello scatenato inglese, tagliando il traguardo con pochi metri di vantaggio. Vittoria quindi per Salvini che precede sul podio Bolt e Oldrati.



VUOI MANDARE IL TUO COMMENTO? REGISTRATI E FAI IL LOGIN!