Licenze FMI 2018
Ecco la nuova struttura

Trofeo delle Regioni Motocross
Titolo 2017 alle Marche

SIC Supermoto Day 2017
Latina si prepara alla sesta edizione

Mondiale MXGP 2018
Ultime novità di mercato

Sardegna Legend Rally
No stress, just fun

Campionato Europeo Enduro 2017
L’Italia vince tutto!

Monster Energy Cup 2017
Musquin sbanca Las Vegas - VIDEO

Vallesabbia Classic Audax by Night
Al via sabato 14 Ottobre la 2^ edizione

Oilibya Rally 2017
Nicola Dutto vince anche il deserto marocchino

Trofeo delle Regioni Motocross 2017
Parte le sfida al Veneto

02 ottobre 2017
Condividi questa notizia

Motocross delle Nazioni 2017

Poker della Francia - VIDEO

La 71a edizione sotto la tipica pioggia inglese e con un tracciato fangoso, ha visto vincere nuovamente la Francia davanti a Olanda e Gran Bretagna con l'Italia settima. A Max Anstie, Hunter Lawrence e Jeffrey Herlings le classi MXGP, MX2 e MX Open



Di fronte a oltre cinquantamila appassionati, trentotto Nazioni hanno preso parte al più importante evento della stagione internazionale, il “Motocross delle Nazioni” che, dopo undici anni, è tornato a disputarsi sulla bellissima pista di Matterley Basin regalando la quarta vittoria consecutiva al Team francese. Davanti alle migliaia di fan da tutto il mondo assiepati sulle colline attorno al tracciato di Matterley Basin, Romain Febvre ha guidato la squadra francese verso un’incredibile quarta vittoria consecutiva grazie a due solide prestazioni che lo hanno visto chiudere al secondo e terzo posto le due manche di gara. Veloci e concreti anche Gautier Paulin che ha ottenuto in Inghilterra un ottimo 3-6 di manche e Christophe Charlier nella classe MX2. Aiutando la Francia a conseguire la vittoria assoluta, Charlier ha realizzato una incredibile doppietta avendo conquistato nel 2017 sia il Motocross delle Nazioni che la Sei Giorni di Enduro. Secondo posto per l'Olanda che ha visto un grande Jeffrey Herlings chiudere primo e secondo le sue gare, mentre Glenn Coldenhoff e Brian Bogers sono riusciti a chiudere sempre nella top ten ottenendo così il secondo posto sul podio.
Il mattatore della giornata è stato il sorprendente Max Anstie, capace di concludere il Nazioni 2017 al vertice della classe MXGP. Vincendo sia la finale MXGP+MX2 che la finale Open+MXGP, Anstie è stato determinante nel permettere alla nazionale britannica di salire sul podio, concludendo terza dietro a Francia e Olanda grazie anche alle buone gare di Dean Wilson e Tommy Searle.
In ombra l'Italia. Dopo l’ottavo posto nelle qualifiche di sabato, Antonio Cairoli (MXGP), Michele Cervellin (MX2) e Alessandro Lupino (MX Open) sono stati sfortunati soprattutto nelle fasi di partenza. Nella manche di apertura, Cairoli è scattato bene ma alla quarta curva è caduto a seguito di un piccolo contatto con Gautier Paulin. 12° al primo passaggio, ha sorpassato subito lo spagnolo Butron transitando poi 11° sotto la bandiera a scacchi. Michele Cervellin, inizialmente a ridosso dei 20 nonostante uno stacco dal cancelletto difficile, è passato 27° sotto la bandiera a scacchi. Lupino ha corso un ottima seconda heat. Scattato bene al via, è rimasto in quarta piazza fino a metà gara, poi ha scavalcato l’australiano Kirk Gibbs prima di subire l’attacco dell’altro australiano Hunter Lawrence (caduto poco dopo) e dello statunitense Zach Osborne, a cui non ha potuto replicare terminando la manche 4°. Michele Cervellin è entrato subito nella top 15, salvo poi calare come ritmo e chiudere 23°. Terza manche complicata sia per Cairoli che per Lupino. Il nove volte Campione del Mondo non è riuscito a uscire dal cancello come avrebbe voluto. 13° al primo giro, ha rimontato fino al 7° posto finale. Alessandro Lupino non ha avuto grip sulla piastra di partenza e, toccatosi con l’avversario che lo affiancava, è dovuto ripartire ultimo rimontando fino alla 18° piazza conclusiva.
Peggio ancora sono riusciti a fare gli Stati Uniti con il solo Zach Osborne capace di una buona prestazione, mentre Thomas Covington non è mai stato incisivo e in lotta per la top ten e Cole Seely è riuscito a fare ancora peggio con due mesti ritiri.

Max Anstie – Team Great Britain [MXGP]: “Ottenere due vittorie di manche e vedere la mia nazionale sul podio è fantastico. I miei compagni di squadra e io ce l’abbiamo messa tutta in questo weekend, ed è bellissimo aver portato la nazionale inglese sul podio davanti ai nostri tifosi. Per me queste due vittorie di manche sono come un sogno che si realizza. Ho sempre voluto vincere nella MXGP, e ora ho realizzato una doppietta nella gara più importante della stagione. Nella prima manche mi sono portato in testa quasi subito e ho solo cercato di restare concentrato e mantenere le mie traiettorie. Poi nella seconda ho fatto una bella lotta con Febvre e alla fine ho prevalso. È davvero una sensazione incredibile.”

Alessandro Lupino: “La prima gara è stata davvero ottima. Nei primi giri ho tenuto un grande ritmo, mi sono divertito e sono rimasto tra il terzo e il quarto posto. Quando ha iniziato a piovere ho preferito rimanere tranquillo e portare a casa il risultato. Nella seconda manche ho trovato la griglia sporca e appena ho lasciato la frizione si è girata la moto, quindi ho toccato l’avversario più vicino. Non sono pienamente soddisfatto ma sono felice di aver indossato nuovamente la Maglia Azzurra”.

Antonio Cairoli: “Non sono riuscito a correre come speravo. In gara 1 alla quarta curva sono passato all’interno e mi sono toccato con Paulin, cadendo e perdendo diverse posizioni. Ho provato a rimontare ma in queste condizioni era davvero difficile. Nella seconda manche ho avuto, come Alessandro, problemi in partenza sulla griglia e non sono uscito bene dal cancelletto. Un weekend sfortunato, ma tutti noi abbiamo dato il massimo per l’Italia”.

Michele Cervellin: “Ho provato a fare del mio meglio ma i due risultati non sono stati del tutto soddisfacenti. Probabilmente a causa del problema alla gamba avuto nelle scorse settimane non mi è stato possibile esprimermi al massimo su un terreno di questo tipo. Dopo il problema in partenza nella prima heat, nella seconda sono partito bene ma dopo qualche minuto ho avuto problemi di visibilità”.

MXoN Race 1 top ten: 1. Max Anstie (GBR, Husqvarna), 36:10.357; 2. Tim Gajser (SLO, Honda), +0:06.251; 3. Gautier Paulin (FRA, Husqvarna), +0:09.398; 4. Hunter Lawrence (AUS, Suzuki), +0:41.407; 5. Arnaud Tonus (SUI, Yamaha), +0:44.978; 6. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), +0:55.596; 7. Jeremy Van Horebeek (BEL, Yamaha), +1:00.247; 8. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), +1:08.634; 9. Thomas Kjer Olsen (DEN, Husqvarna), +1:19.761; 10. Zachary Osborne (USA, Husqvarna), +1:31.126

MXoN Race 2 top ten
: 1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 37:59.364; 2. Romain Febvre (FRA, Yamaha), +0:13.730; 3. Zachary Osborne (USA, Husqvarna), +1:38.876; 4. Alessandro Lupino (ITA, Honda), +1:40.149; 5. Kirk Gibbs (AUS, KTM), +1:44.122; 6. Christophe Charlier (FRA, Husqvarna), +1:49.117; 7. Dean Wilson (GBR, Husqvarna), +2:01.064; 8. Hunter Lawrence (AUS, Suzuki), +2:02.897; 9. Brian Bogers (NED, KTM), +2:07.211; 10. Thomas Kjer Olsen (DEN, Husqvarna), +2:28.124.

MXoN Race 3 top ten: 1. Max Anstie (GBR, Husqvarna), 37:59.163; 2. Jeffrey Herlings (NED, KTM), +0:01.108; 3. Romain Febvre (FRA, Yamaha), +1:00.011; 4. Jeremy Van Horebeek (BEL, Yamaha), +1:20.559; 5. Tim Gajser (SLO, Honda), +1:27.401; 6. Gautier Paulin (FRA, Husqvarna), +1:36.967; 7. Antonio Cairoli (ITA, KTM), +1:44.854; 8. Dean Wilson (GBR, Husqvarna), +1:51.593; 9. Jeremy Seewer (SUI, Suzuki), +2:02.765; 10. Arnaud Tonus (SUI, Yamaha), +2:07.648

Nations top ten: 1. France, 2. The Netherlands, 3. Great Britain, 4. Belgium, 5. Switzerland, 6. Australia, 7. Italy, 8. Estonia, 9. USA, 10. Sweden



VUOI MANDARE IL TUO COMMENTO? REGISTRATI E FAI IL LOGIN!