AMA Supercross 2018
Jeremy Martin in 450SX

Team SM Action Yamaha news
Infortunio in allenamento per Simone Furlotti

Demo Ride RedMoto
Appuntamento a Ceriano Laghetto

Hell’s Gate 2018
Aperte le iscrizioni

Tacita T-Race Diabolika
Flat track elettrica

Tim Gajser rimane in Europa
In MXGP per altri due anni

Superprestigio 2017
Zarco alla caccia del trono di Marquez

Team Beta Factory Enduro
Arriva Christophe Charlier

04 ottobre 2017
Condividi questa notizia

Yamaha YZ125 'bLU cRU' Cup 2017

Gli italiani Bassi e Cristino sul podio

Lo Svedese Arvid Lüning interpreta al meglio le condizioni della pista vincendo la Superfinale sul circuito di Matterley Basin

Pioggia, fango e straordinarie bagarre gomito a gomito: questi i principali "ingredienti" dell'attesissima Superfinale della Yamaha YZ125 bLU cRU Cup 2017 andata in scena presso il circuito di Matterley Basin (UK) nel weekend appena concluso. Il trofeo della Casa di Iwata, attivo in ben venti paesi del continente europeo, è infatti dedicato a tutti i giovani motocrossisti che, insieme alla loro YZ125, aspirano ad entrare a far parte del Team Ufficiale Yamaha EMX125.
In concomitanza con il prestigioso Monster Energy FIM Motocross delle Nazioni, gli "air riders" di Spagna, Francia, Inghilterra, Germania, Portogallo, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Belgio, Austria, Svizzera, Grecia, Bulgaria, Israele, Polonia, Turchia, Ucraina e Lettonia, selezionati in base ai meriti conquistati nei rispettivi Campionati Nazionali, hanno quindi lasciato sul circuito inglese il segno dei tasselli delle proprie YZ125 e regalato al pubblico due gare indimenticabili. L’obiettivo di ognuno di loro era uno ed uno solo: cercare di aggiudicarsi uno dei tre posti dalla prestigiosa Masterclass patrocinata dagli Ambasciatori Yamaha.
GARA 1 – La Gara va all’Estone Jorgen-Matthias Talviku che sale sul primo gradino del podio. In seconda posizione, con una gara tutta all’attacco, dà sfoggio di tutto il suo talento il giovanissimo Italiano Kevin Cristino. Terzo, invece, lo Svedese Arvid Lüning. Grande merito va anche a Francesco Bassi (4°), Mirko Dal Bosco (5°), Pablo Caspani (9°), Pietro Salina (16°), Filippo Gervasio (19°), Thomas Arnoldo (20°), Giulio Guarini (25°) e, vittima di una caduta che gli ha impedito di proseguire la gara, Davide Nardi (30°).
GARA 2 – Lo scandinavo Arvid Lüning interpreta al meglio le condizioni della pista vincendo la seconda manche. Secondo, autore dell’holeshot e di una gara strepitosa, l’Italiano Francesco Bassi. Terzo il Francese Pierre Moine. Un grande applauso per gli altri rider italiani che, nonostante le difficili condizioni del circuito, hanno dimostrato grande grinta e determinazione: Mirko Dal Bosco (4°), Kevin Cristino (5°), Pablo Caspani (7°), Giulio Guarini (11°), Davide Nardi (20°), Thomas Arnoldo (26°), Pietro Salina (28°) e Filippo Gervasio (30°) al quale vanno i migliori auguri di pronta guarigione in seguito alla caduta verificatasi in gara.
Lo Svedese Arvid Lüning e i due Italiani Francesco Bassi e Kevin Cristino, in base al risultato raggiunto nelle due manche, conquistano rispettivamente il primo, secondo e terzo posto in classifica generale e, conseguentemente, i tre ambiti posti per la Masterclass. I tre giovani, insieme a due meritevoli wild card (l’Estone Jorgen-Matthias Talviku ed il Francese Pierre Moine), sono attesi a fine ottobre per confrontarsi con alcune delle leggende del motocross tre diapason che forniranno loro preziose lezioni pratiche e teoriche che serviranno loro per proseguire la carriera di piloti. Colui che tra questi cinque finalisti si distinguerà per talento e capacità di guida verrà offerta l’eccezionale opportunità di correre nel Campionato Europeo EMX125 2018 come pilota ufficiale del Team Yamaha EMX125 MJC, così come già accaduto al 15enne svedese Tim Edberg lo scorso anno.



VUOI MANDARE IL TUO COMMENTO? REGISTRATI E FAI IL LOGIN!