MiniEnduro 2017
E' tempo di verdetti

Campionato Italiano Enduro 2018
Signori, si cambia!

Matthew Phillips dice addio al Mondiale
Ultima stagione in Europa

Days of Joy 2017
Il giorno del flat track

Red Bull MX Superchampions 2017
Pronti per la quarta edizione!

Su Dueruote di Agosto
Mariano Roman, il presente e il futuro di Fantic Motor

KTM 1090 Adventure R
La regina del turismo offroad

Mondiale WMX 2017 - Loket
Vince la Duncan, Fontanesi sfortunata

Baja Aragon 2017
Poker per Joan Barreda

Mondiale Enduro Youth Cup
Andrea Verona Campione 2017

16 febbraio 2017
Condividi questa notizia

Fili d’acciaio contro le moto

Ferma condanna della FMI

Il Presidente FMI, Giovanni Copioli: “Il rispetto delle regole è una delle nostre prerogative, ma la condanna verso questi attentati deve essere chiara e senza esitazioni

Come vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi, la cronaca ci riporta ancora una volta un episodio criminale ai danni dei motociclisti. Un filo metallico teso fra due alberi ad altezza pilota ha messo a rischio la vita di un ragazzo di sedici anni che stava praticando enduro sulle rive del fiume Oglio, a Costa Volpino. Solo una serie di circostanze fortuite (giro di ricognizione a bassa velocità) hanno impedito che la trappola criminale potesse avere conseguenze tragiche e, per fortuna, il giovane endurista è stato colpito “solo” al torace e alle braccia e non al collo.
I familiari del giovane hanno manifestato l'intenzione di sporgere denuncia contro ignoti mentre Dario Colossi, Sindaco di Rogno, ha commentato presso un quotidiano locale: «Occorre distinguere fra un reato grave e il rispetto delle regole da parte degli enduristi. Spero che chi ha tirato il filo di ferro venga individuato alla svelta e capisca quello che ha fatto. Ma i piloti devono ricordarsi che sugli argini e nei greti dei fiumi, così come nelle strade agrosilvopastorali o nei boschi, con le loro moto non possono circolare».
Chiara e netta la posizione del Presidente FMI, Giovanni Copioli: “Sebbene il rispetto delle regole sia una delle nostre prerogative, la condanna verso questi veri e propri attentati deve essere chiara e senza esitazioni. Sono sorpreso e sconcertato dall'episodio avvenuto in una delle terre di origine dell'Enduro ed esprimo la mia vicinanza al giovane coinvolto e alla sua famiglia. Sono altresì sconcertato dalle dichiarazioni del Sindaco che dovrebbe avere la tutela dei suoi cittadini come assoluta priorità. Le sue parole possono essere invece male interpretate nei confronti di un vero atto criminale. Da parte nostra, come FMI, ci muoveremo presso le Autorità competenti affinché vengano compiute indagini e che il colpevole non solo “capisca” ma ne paghi le conseguenze. Allo stesso tempo faremo opera di sensibilizzazione presso i Moto Club della zona per mettere in atto azioni di sorveglianza verso questi atti criminali pur nel rispetto delle zone dove è consentita la pratica dell'Enduro”.



VUOI MANDARE IL TUO COMMENTO? REGISTRATI E FAI IL LOGIN!