Ottobiano Vibram Days
Prova in pista la tecnologia VLR

Yamaha Challenge Enduro, MX e MX Junior 125
Ad EICMA MotoLive le Superfinali 2017

Campionato Italiano Enduro 2018
Intervista al Coordinatore Nazionale Franco Gualdi

EICMA 2017 scende in pista
Le due ruote accendono i motori

Mondiale MXGP 2018
Nuova line up per il Team I-Fly JK Yamaha

Campionato Europeo Enduro 2017
Titolo assoluto a Matteo Pavoni

Chiude il TM FMI Racing Team
Conclusa l'esperienza tra Federazione e TM

Sherco news
In vendita le Six Days 2018

Tony Cairoli in pista a Valencia
Test con la KTM da MotoGP

Licenze FMI 2018
Ecco la nuova struttura

19 giugno 2017
Condividi questa notizia

Ottanata by Acerbis

Da Albino ad Albenga in fuoristrada

Tre giorni in moto per un viaggio che in autostrada si poteva fare in tre ore. Avventura in maxienduro tra minuscole stradine, guadi e boschi in un tripudio di GS, KTM e Africa Twin

Il vecchio trattore è messo lì di sbieco e blocca la strada sterrata. La cabina è vuota. Sembra abbandonato. E invece no. È acceso. Dietro ha una specie di pompa (forse un’idrovora?) che tira su acqua (o la butta giù?) nel canaletto di irrigazione. Non me ne intendo di queste cose, io sono uno di città. So solo che fa un fracasso infernale e che io non riesco a passare con la moto. “Arrivo, arrivo”. Dal nulla si materializza il contadino su un Ciao. Le gambe magre magre. La pelle bruciata dal sole. In ciabatte e senza casco, come facevano i nostri nonni. Era una vita che non vedevo questa scena. Siamo nella Bassa, la campagna lombarda delle zanzare e dell’ossobuco. Facili sterratoni polverosi, immense cascine. È il tramonto di un venerdì qualunque. Fra un po’ vien già la sera e noi siamo tutti impegnati nella nostra Ottanata.
Escursionisti a piedi, a cavallo, in mountain bike. Ogni tanto incontriamo qualcuno. “Dove andate?” ci chiedono. “Non lo sappiamo”. Non lo sappiamo davvero. Abbiamo sul manubrio il Tripy, un aggeggio elettronico che funziona come i road-book di carta. Ti mostra delle immagini stilizzate e tu capisci che devi girare dopo il secondo albero a sinistra, tenere sulla destra un masso gigante, attraversare quel guado con una casa diroccata di fianco. Non c’è una traccia GPS da seguire, non c’è una mappa. Il percorso è segreto, sappiamo solo che dovremo arrivare ad Albenga. Siamo partiti da Albino. Dalle valli bergamasche alla Liguria, due mondi che non c’entrano niente. Di mezzo 500 km di sterrate, sentieri, boschi, pietraie e asfalto. Gli argini del Ticino. Il Po e poi l’Oltrepo, che sembra un gioco di parole ma è tutto vero.

Articolo completo e gallery fotografica su DUERUOTE.IT



VUOI MANDARE IL TUO COMMENTO? REGISTRATI E FAI IL LOGIN!