Cerca

Seguici con

Motocross

Campionato Italiano Prestige, ancora un sigillo di Nicholas Lapucci

Redazione
dalla Redazione il 13/10/2020 in Motocross
Campionato Italiano Prestige, ancora un sigillo di Nicholas Lapucci
Chiudi

A Cingoli nuova doppietta per il campione italiano della Mx1. Nella Fast trionfi tricolori di Bertuccelli, Mattia Roncaglia e Albertoni

Chiusura in grande stile per il campionato italiano Maxxis Prestige. La quarta e ultima prova, sullo storico e sempre bellissimo tracciato di Cingoli, manda in archivio la stagione 2020 del più importante campionato nazionale di motocross sotto il segno del suo padrone incontrastato, Nicholas Lapucci (KTM – Over competition).

Nicholas Lapucci

ELITE

Nicholas Lapucci festeggia il titolo conquistato nella scorsa gara di Ponte a Egola con un’altra doppietta da dominatore. Il toscano conduce la prima manche dal primo all’ultimo giro, davanti al sorprendente argentino Joaquin Poli (Kawasaki), autore della holeshot. Per la terza piazza è bagarre fino alla fine, con David Philippaerts (Yamaha – Gorlese Mario Colombo) che precede Ramon Savioli (KTM – Amsil racing) e Davide De Bortoli (Honda – Krosteam Gaerne).
Matteo Puccinelli (Yamaha – Megan racing) è il migliore della Mx2 col nono posto assoluto, poi ci sono Gianmarco Cenerelli (Husqvarna – Scintilla) undicesimo e Filippo Zonta (KTM – Gaerne) dodicesimo.

In gara-2 holeshot Ufo Plast a Samuele Bernardini (Yamaha – Sassello), che però perde terreno a vantaggio di Philippaerts e Lapucci. Il neocampione italiano prende la prima posizione al terzo giro e non la molla più fino al traguardo, con Philippaerts che deve accontentarsi della piazza d’onore. Stefano Pezzuto (KTM – Bbr offroad) termina terzo dopo un bel duello con De Bortoli, mentre Bernardini retrocede fino alla quinta posizione.
Con un sorpasso a due giri dalla fine su Puccinelli, Cenerelli conquista la sesta posizione, che gli vale il successo di giornata della Mx2. Zonta, penalizzato da troppe cadute, è di nuovo terzo di categoria.

Gianmarco Cenerelli (ph. Mxreport)

L’assoluta di giornata premia Lapucci in Mx1, davanti a Philippaerts e Poli. Nella Mx2 successo di Cenerelli su Puccinelli e Zonta.

Premiazioni e medaglie Fmi per i nuovi campioni italiani, che vengono incoronati direttamente sul podio di Cingoli. Nicholas Lapucci in Mx1 precede David Philippaerts e Samuele Bernardini, mentre Mattia Guadagnini (Husqvarna – Ardosa) si conferma campione della Mx2 davanti a Gianmarco Cenerelli e Filippo Zonta.

Partenza Elite (ph. Motocrossaddiction)

FAST

Finale al cardiopalma per il campionato Fast Mx1, con Giovanni Bertuccelli (KTM – Pardi) che si aggiudica l’ennesimo titolo italiano della sua carriera con una grande doppietta, nonostante un brivido in gara-2 dopo un contatto con Tomas Ragadini (Suzuki – Rt 973 Mx school). Il suo rivale Marco Roncaglia (KTM – Sm Action Migliori), atteso all’assalto finale, non riesce nel colpaccio ed è terzo assoluto, chiudendo così il campionato alla piazza d’onore. Risultati inversi per Alessandro D’Angelo (Suzuki – Bbr offroad), secondo di giornata e terzo in campionato.

La classe 2 tempi è un susseguirsi di colpi di scena, con i duellanti Alessandro Albertoni (KTM – Brilli Peri) e Jimmy De Nicola (TM – Dg) alle prese con cadute e problemi meccanici. Alla fine è Albertoni a raccogliere il punteggio migliore per il titolo italiano, con De Nicola che deve accontentarsi della piazza d’onore e Nicola Matteucci (Yamaha – Megan racing) costretto al terzo posto per un infortunio che gli fa saltare la gara di Cingoli.
Fuori i protagonisti abituali, nelle Marche il podio è occupato da volti nuovi: Ciro Tramontano (Husqvarna – Cerbone) primo, Davide Costantini (Yamaha – Simoncini racing) secondo e Davide Reggiani (Husqvarna – Bisso Galeto) terzo.

Podio Fast Mx1 (ph. Mxreport)

Nella Mx2 Marco Roncaglia (KTM – Sm Action Migliori) corre una gara tattica e non va oltre il sesto posto assoluto, ma tanto gli basta per laurearsi campione italiano, visto il vantaggio che aveva incamerato nelle prove precedenti. A Cingoli il mattatore è Federico Tuani (Husqvarna – Berbenno), che domina nettamente entrambe le manche, con Lorenzo Corti (KTM – Parini) sempre secondo e il portacolori di casa Angelo Fabbri (KTM – Mbl racing Fagioli) terzo.
In campionato Roncaglia precede Corti e Tuani.

CHALLENGE HONDA RED MOTO

Nonostante una caduta lo costringa al ritiro in gara-2, Marco Paganini (Krosteam Gaerne) vince la giornata e il titolo della Mx1, precedendo sul podio di Cingoli Stefano Sonego (Gaerne) e Marco Valsangiacomo (Fossano). La Mx2 va al vincitore del trofeo, Antonio Mancuso (Lion Montegranaro), davanti a Matteo Borghi (Intimiano Natale Noseda) e Matteo Ungaro (Parini).

Mattia Roncaglia (ph. Redbaz)

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.