Cerca

Seguici con

News

Mondiale Enduro: intervista a Giacomo Redondi

Redazione
dalla Redazione il 07/06/2019 in News
Mondiale Enduro: intervista a Giacomo Redondi
Chiudi

"Il mio anno negli Stati Uniti mi ha portato molta fiducia!"

Poche settimane dopo il tour iberico del Mondiale Enduro 2019 siamo pronti a fare il punto della stagione con Giacomo Redondi, pilota del Team JET Husqvarna. Dopo un anno negli Stati Uniti nel quale ha conquistato il titolo WORCS 2018, nelle prime tre gare dell’anno il campione del mondo Junior 2016 ha ottenuto tre podi e la prima vittoria in carriera nella classe E2.

Ciao Giacomo, bello averti di nuovo con noi nel Mondiale. Prima di tutto, quanto volevi tornare in EnduroGP?

Giacomo Redondi: "Ciao, sono davvero felice di essere tornato a correre nella EnduroGP contro i migliori piloti. Dopo aver realizzato uno dei miei più grandi sogni l'anno scorso negli Stati Uniti, ho deciso di cambiare il mio obiettivo per il 2019. Volevo davvero torna in EnduroGP e combattere per i primi posti nelle classi GP ed E2 ".

È stato un buon inizio per te con due podi e una vittoria. Te l'aspettavi?

GR: "Ho lavorato molto duro quest'inverno per essere pronto al 100% per questa nuova stagione. Nella prima prova in Germania, siamo stati un po’ sfortunati, ma non ho cambiato nulla nella mia preparazione e ho continuato a lavorare duro e ha funzionato perfettamente. Sono salito sul podio in Portogallo e poi ho vinto la prima giornata in Spagna. Bisogna continuare a lavorare duro e vedere cosa succede in questa classe E2 piena di grandi talenti ".

Qual è stata la tua sensazione dopo l'ultimo Cross Test, sapendo che avevi ottenuto la tua prima vittoria in una classe Senior?

GR: "Non stavo davvero pensando alla vittoria dell'E2, ma sono stato molto contento, ho festeggiato questa vittoria con tutta la mia squadra. Spero davvero che sia il primo successo di molti altri. "

Hai avuto un ottimo anno negli Stati Uniti nel 2018. Perché hai scelto di andare lì e gareggiare nella serie WORCS?

GR: "Dopo il mio 6° posto in EnduroGP nel 2017, le offerte che avevo non erano davvero interessanti rispetto ai miei risultati, quindi ho deciso di realizzare il mio sogno e di andare in America e correre lì. Ecco perché ho deciso di correre la serie WORCS, ero super orgoglioso di diventare un campione WORCS professionista, ero orgoglioso di me perché avevo solo una squadra "fatta in casa" con mia mamma e due amici e abbiamo combattuto per il titolo contro un sacco di team ufficiali. Abbiamo lavorato per raggiungere questo obiettivo fin dal primo giorno! "

Mondiale Enduro: intervista a Giacomo Redondi
Chiudi

Cosa pensi che abbia portato questa esperienza al tuo stile di guida ma anche personalmente?

GR: "Mi ha portato molta fiducia nelle mie possibilità e nel mio talento. Penso di essere migliorato molto nel mio stile di guida e ora voglio lavorare su questo per raggiungere un altro livello. Ogni anno, il livello in EnduroGP sta migliorando rapidamente quindi devo mantenere questo ritmo per rimanere competitivo "

Lo scorso anno correvi con Honda Redmoto in Europa. Perché hai scelto di cambiare e lavorare con Franco MAYR e il suo team JET Racing?

GR: "Sono rimasto molto soddisfatto della mia KTM negli Stati Uniti, quindi ho deciso di utilizzare una moto abbastanza simile per l'EnduroGP. Ho scelto Franco e il suo team perché credo davvero in loro e hanno tutto per aiutarmi a raggiungere il mio obiettivo E lo abbiamo già fatto con tre podi, stiamo lavorando davvero bene insieme e penso che sia la scelta migliore che potrei fare ".

Qual è il tuo miglior ricordo nel Campionato Mondiale Enduro?

GR: "I miei ricordi migliori sono Finlandia 2012, dove ho ottenuto il 5° posto assoluto nel Day 2 con la 125. Nel la Classe E1, sono arrivato 2° dietro a Simone Albergonie davanti ad Antoine Meo. Questo è il mio miglior ricordo di sempre. "

10 anni dopo il debutto dell'Enduro a Lovere, tornerai alla Valli Bergamasche il prossimo 22 e 23 giugno. Ti darà pressione essere il favorito di casa?

GR: "Sarebbe fantastico salire sul podio o conquistare la vittoria nel GP d'Italia! Questo è il mio obiettivo a ogni GP quindi non avrò più pressione, ma sono super carico per fare quello che amo nel mio paese, molto vicino a dove vivo, di fronte al mio pubblico di casa e in un punto ben noto nella storia dell'Enduro. Spero e sono sicuro che vedremo molti spettatori e fan lì ".

Sei in terza posizione nella classe E2 dopo tre GP, qual è il tuo piano adesso?

GR: "Non c'è un piano per quest'anno, questa classe E2 è davvero pazza! Ho iniziato la stagione con un ritiro e ora sono terzo, ma dobbiamo continuare a spingere visto che ci sono un sacco di i piloti in grado di vincere, puoi vincere un giorno e poi finire il 5° o 6° il giorno dopo. Quindi dobbiamo continuare a lavorare con la squadra e cercare di fare del nostro meglio. Vedremo gara per gara come andrà e cosa succederà a fine dell'anno!"

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.