Cerca

Seguici con

News

Alessandro Lupino: tutto OK, ma che paura!

Redazione
dalla Redazione il 13/06/2019 in News
Alessandro Lupino: tutto OK, ma che paura!
Chiudi

“Nei primi istanti dopo l’incidente ho temuto il peggio, ma adesso ho già voglia di tornare a correre”

Passata la paura, Alessandro Lupino, dopo gli ultimi controlli medici, pensa già al ritorno in pista. Ma la caduta nel corso del GP di Russia di domenica scorsa gli è costata un bello spavento, oltre che la frattura delle quattro vertebre D11-D12-L1-L2 e dello sterno. La dinamica infatti avrebbe potuto portare a conseguenze ben peggiori.

Lupino nel corso di un intervista rilasciata al quotidiano online Tuscia Web, ha spiegato bene sia la dinamica che i momenti successivi alla caduta.

“Avevo appena passato il russo Guryev, quando lui dall’esterno ha preso una rampa a velocità folle e mi è atterrato in pieno sulla schiena. Subito dopo la caduta ricordo che facevo fatica a muovere le braccia e non sentivo le gambe e poi ho perso conoscenza. Quando mi hanno caricato sull’ambulanza fuori dal tracciato, ho sentito un fuoco dalla schiena alle gambe: era il midollo spinale che riprendeva sensibilità. Inoltre la botta sulla schiena è stata così forte che sono finito col torace contro il manubrio, ho spaccato la pettorina protettiva e ho rotto anche lo sterno, con tanto di trauma cardiaco.

Quando ero immobile a terra ho temuto il peggio e solo quando ho sentito che riprendevo sensibilità, ho tirato un sospiro di sollievo. Non mi hanno potuto trasportare in elicottero in ospedale, perché erano tutti impegnati in un grande incidente stradale a Sochi. Solo alle nove di sera mi hanno detto esattamente cos’avevo. Per fortuna mi ero messo in contatto con la dottoressa Sangiorgi, della Federazione motociclistica italiana, che ha visto le lastre online e mi ha spiegato più o meno cos’avevo.

Il versamento interno al cuore si è già riassorbito e adesso devo solo aspettare che si rinsaldino le fratture e se tutto andrà come spero, potrò tornare in moto già tra un mese. A fine giugno c’è la gara di campionato italiano a Malpensa e vorrei esserci”.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.