Cerca

Seguici con

Supercross

AMA Supercross 2023: a Houston vincono Tomac e Lawrence - L'analisi di Stefano Dami VIDEO

Redazione
dalla Redazione il 05/02/2023 in Supercross
AMA Supercross 2023: a Houston vincono Tomac e Lawrence - L'analisi di Stefano Dami VIDEO
Chiudi

All'NRG Stadium, dotato di copertura, con un terreno ed una pista in condizioni ottimali, torna alla vittoria Tomac davanti a Sexton. In 250 Hunter Lawrence prosegue il lavoro del fratello Jett e vince davanti a Max Anstie

Il supercross approda a Houston, che ospita la quarta prova "reale" della main class e l'apertura stagionale per la East coast della Lites. Con mio grande rammarico l'SX 2023 perde uno dei suoi protagonisti, che avrebbe potuto animare il gruppetto di testa: Malcolm Stewart è out per l'intero campionato, necessario l'intervento al ginocchio infortunato. Ancora fuori Musquin, problemi al polso non ancora risolti e tempi di recupero che rimangono incerti.

Mi consolo con la curiosità di vedere all'opera tutti gli altri protagonisti, con l'esordio di Justin Cooper nella 450 e quello di Vialle e Deegan in 250. E poi Hunter Lawrence, il fratello di Jett: la loro storia mi ricorda un pò quella dei Pourcel, o dello stesso Musquin che aveva in Mika un fratello molto veloce anche se magari non è arrivato in alto come Marvin, o la stirpe dei Leok...famiglie dedicate ad inseguire il sogno di raggiungere i vertici assoluti di questo sport!  E poi i Coenen, che stanno seguendo le stesse orme e sono già entrambi approdati in team factory. Il motocross sta diventando in tanti casi un affare di famiglia!

Ma veniamo alla gara, con l'NRG Stadium dotato di copertura che offre un terreno ed una pista in condizioni ottimali. Tracciato non difficilissimo, sicuramente meno incasinato rispetto alle gare precedenti, e  terreno più compatto, vale a dire che sono tutti più vicini!

Sexton si conferma il più veloce in pista, Tomac il più concreto. L'ufficiale Honda rifila un secondo abbondante a tutti in qualifica, dopo di lui ci sono 10 piloti racchiusi in un altro secondo. Vince a mani basse la heat, superando Tomac ed anche qua girando decisamente più forte, ma poi nel main sbaglia la partenza (fondamentale), Tomac invece no. Sa che non deve permettere al suo avversario di avere pista libera davanti a sé, altrimenti la fuga diventa difficile da contenere.. ed Eli centra l'holeshot e non cede al pressing scatenato di un Plessinger in giornata e molto aggressivo. Dopo pochi minuti arriva la bandiera rossa per la caduta di Ferrandis, che per fortuna esce dalla pista col collare ma cosciente.

Alla ripartenza mancano 16 minuti alla fine, e Sexton riesce a portarsi velocemente in seconda piazza. Ma a questo punto non basta più la sua velocità, esce fuori la costanza di rendimento di Tomac, che batte giro dopo giro sul suo passo senza sbagliare nulla e mantiene l'esiguo vantaggio fino alla fine.  Dietro chiude un regolare Anderson, sul podio ma non mi è sembrato mai in grado oggi di impensierire i primi due.

Plessinger dicevamo ha fatto un ottima gara, peccato che dopo la ripartenza sembrava un pò spento e meno aggressivo, subisce subito gli attacchi di Anderson e Sexton ma poi rimane lì tutta la gara, ad un passo dal podio.

Roczen invece mai in serata, già in difficoltà in qualifica, fuori dai 10 anche se i distacchi sul giro sono risicati. Non trova nemmeno la partenza buona nel main, e corre a ridosso della top ten subendo all'ultimo giro anche il sorpasso del debuttante Cooper ( il migliore tra i rookye, non male per essere fuori dalle gare da un bel po' ). Giornata no per Ken!

Davanti a loro chiudono quinto Webb e sesto Barcia. Il pilota Ktm da un paio di gare sembra faticare, e deve ritrovare ritmo e velocità se vuole continuare a lottare per il podio finale di campionato. Justin invece con la sua GasGas è andato forte, ha lottato come al solito senza mai tirarsi indietro e si dimostra uno dei principali outsider di questo campionato.

AMA Supercross 2023: a Houston vincono Tomac e Lawrence - L'analisi di Stefano Dami VIDEO


Il debutto della lites East coast vede il pronostico rispettato con una vittoria convincente di Hunter Lawrence. Il fratello di Jett è veloce e maturo, e la possibilità di vedere due fratelli vittoriosi contemporaneamente in altrettanti campionati supercross è più che reale, e sarebbe una cosa incredibile!

Grande il ritorno di Max Anstie al supercross, anche lui su una Honda ma non ufficiale. Veloce fin dal pomeriggio, poleman in qualifica, chiude secondo con un gran passo e potrebbe davvero essere una sorpresa.

Vialle c'è, centra un ottima partenza, spiattella la moto in faccia a Lawrence sul primo triplo costringendolo addirittura ad una piccola uscita di pista, guida per 2 giri il main prima di cedere al ritorno del pilota Honda, ma resiste metà gara al secondo posto. Subisce il sorpasso di Anstie ma gli rimane vicino, tranquillo al terzo posto. Da uno freddo come lui, che ci ha abituato alla sua grande forza mentale, non ci aspettiamo l'errore, invece butta via il podio a 3 giri dalla fine con una banale scivolata. Forse un po di stanchezza perché percorre poi gli ultimi giri sbagliando molto, fino a quel momento era stato un debutto perfetto, chiude settimo!

Altro debutto incredibile, e sinceramente non me lo aspettavo, quello di Deegan tra i Pro! Chiude quarto, sfruttando qualche caduta degli avversari ma guidando bene, non facendosi prendere dalla voglia di strafare e dimostrando una condizione fisica ottima, che gli permette di sorprendere J. Martin all'ultimo giro!

Gli ufficiali Yamaha J. Smith e Trasher sono veloci ma sbagliano molto, ma il primo riesce comunque a concludere a podio, il secondo imvece dopo 2 cadute è fuori dalla top ten. Mosiman non in giornata di grazia e mai veloce chiude sesto. Poco per uno che sulla carta deve giocarsi il titolo.

Ma siamo solo all'inizio, tra 7 giorni è già tempo di rifarsi!

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.