Cerca

Seguici con

News

Jonny Walker, io ballo da solo

Redazione
dalla Redazione il 29/04/2021 in News
Jonny Walker, io ballo da solo
Chiudi

Il pilota inglese affronterà il Campionato Mondiale Hard Enduro 2021 con un team privato supportato da Beta e sponsor personali

Jonny Walker, io ballo da solo

Il più grande cambio di squadra di fine 2020 è stato senza dubbio quello di Jonny Walker. Dopo quasi un decennio con KTM, il pilota inglese ha scioccato il mondo dell'Hard Enduro con il suo passaggio alla Beta.

Walker ha messo insieme la sua squadra durante i mesi invernali, dando vita al Team Vision Track Beta. La performance di Jonny al primo round, l'Extreme XL Lagares della prossima settimana dirà a Jonny, ai suoi avversari e al grande pubblico se la mossa è stata vincente.

Ma una cosa è certa, Jonny è tornato in forma, è un pilota di Hard Enduro ferocemente veloce e competitivo.

Con il round di apertura dell’Hard Enduro World Championship, tutti i pezzi del puzzle si sono uniti e ti vedremo all’opera con il team Vision Track Beta

Jonny Walker: "Penso che ora siamo a posto con tutto. Siamo pronti per il primo round. Tutti i marchi e i partner con cui ho parlato sono hanno deciso di sostenermi. Abbiamo fatto molti test e molti giri di pista. Mi sarebbe piaciuto fare un paio di gare in più, ma non è stato possibile. Ora non vedo l'ora di iniziare".

Organizzare la tua squadra è stato un processo impegnativo o piacevole?

"Ho sempre corso per un team ufficiale, quindi come pilota professionista non l'ho mai visto dall'altra parte. La vita del pilota factory è una specie di “arriva e corri”, mentre ora sono più attivo. Ho voce in capitolo su quello che faccio e sui prodotti che uso sulla mia moto. Mi è piaciuto il fatto di parlare direttamente con le aziende e i marchi. Ci sono state un sacco di telefonate, un sacco di e-mail, ma è venuto tutto molto bene".

Jonny Walker, io ballo da solo

Hai vinto la gara di Endurocross alla Extreme XL Lagares nel 2019. Sarebbe bello se riuscissi a vincerla di nuovo, alla prima uscita sulla Beta!

"Sì, sarebbe bello, ma avere successo nel campionato è la priorità. Però mi piace l'aspetto del formato multi-gara della Extreme XL Lagares. Se riesci a vincere un evento individuale, dà una buona esposizione. Sarebbe fantastico mettere Beta sul gradino più alto del podio e un ottimo modo per iniziare il weekend!"

Purtroppo, non c'è nessun prologo cittadino a Porto quest'anno. Questo deve essere un po' un sollievo dopo aver fatto una nuotata lì nel 2019! Ma in tutta sincerità, ti mancherà quella parte di gara?

"Sì, è un peccato non avere il prologo a Porto quest'anno, ma anche comprensibile. È super cool e non solo per la Extreme XL Lagares, ma per tutto il nostro sport perché è così unico. Penso che il mio meccanico sia il più sollevato dal fatto che non si svolga quest'anno. Può smettere di cercare su Google 'come impermeabilizzare un 2 tempi! Come tutti, spero che il prologo cittadino torni per il 2022".

Jonny Walker, io ballo da solo

Guardando all'intera stagione, quali sono le gare che potrebbero esserti favorevoli?

"Ci sono stati un sacco di cambiamenti in questa offseason e quindi la Extreme XL Lagares è il più grande test per vedere come stanno le cose. Una volta che il nervosismo del primo round sarà passato e saremo pronti a correre, mi adatterò meglio. Red Bull Erzbergrodeo e Red Bull Romaniacs sono le mie gare favorite. Non vedo l'ora che arrivino".

È bello avere finalmente un Mondiale Hard Enduro che riunisca tutte le gare più importanti?

"È bello essere sotto l'egida della FIM. L'Hard Enduro è una movimento così grande, quindi è bello essere adeguatamente riconosciuti con ogni altro campionato di moto. Ma l'Hard Enduro è anche diverso. È speciale, unico e di successo perché i piloti amatoriali e non professionisti sono una parte importante di ciò che facciamo. Ci siamo dentro tutti insieme, ecco perché è diventato così popolare. Quindi, finché questo elemento rimane invariato, non diventa troppo elitario, le piste rimangono come sono, e l'atmosfera rimane fresca, allora le cose andranno bene".

Le ultime stagioni, in testa al WESS nel 2018 e terzo nel 2019, hanno dimostrato che sai come si corre per un mondiale . Qual è la chiave per mantenere quel tipo di concentrazione per una stagione intera?

"Cercare di essere lì davanti ogni volta che si corre è la chiave di sicuro. Come pilota sento di avere un abilità a tutto tondo. La mia velocità è buona e ho cercato di migliorare il lato tecnico della mia guida, dato che questo campionato è incentrato al 100% sull'Hard Enduro. L'obiettivo è quello di vincere il titolo e diventare campione del mondo. Questo è quello che mi piacerebbe fare e a cui sto puntando. Sento che possiamo farlo, se tutto va bene e abbiamo un po' di fortuna lungo la strada".

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.