Cerca

Seguici con

Moto

BMW F 850 GS Adventure, globetrotter totale

Redazione
dalla Redazione il 08/03/2019 in Moto
BMW F 850 GS Adventure, globetrotter totale
BMW F 850 GS Adventure, globetrotter totale

Con un serbatoio da 23 litri, sospensioni a lunga escursione e un bicilindrico potente il giusto, la media BMW è pronta per esplorare tutti i continenti del pianeta

Ci sono uomini, ci sono uomini sognatori, ci sono motociclisti e ci sono motociclisti sognatori. Questi ultimi si distinguono subito: sono quelli che, fra un casello e l’altro della tangenziale, alzano lo sguardo cercando ovunque un po’ d’avventura, sognando sterrati senza fine e mete dakariane. La nuova BMW F 850 GS Adventure strizza l’occhio proprio a questi sognatori; a tutti quelli che vedono un riflesso di libertà nei panciuti fianchi di un serbatoio extralarge. E anche a chi vuole entrare in questo mondo e… vuoi per capacità di guida oppure per portafogli meno capienti, non prende in considerazione le blasonate boxer , volgendo lo sguardo a un mezzo più accessibile. La 850 Adventure è una moto pensata per una fascia di utenza ben precisa: è facile da guidare e trasmette una buona sicurezza, sia su asfalto sia sulla strada bianca. Sbagliato sarebbe paragonarla alla mastodontica R 1250 GS Adventure e sbagliato sarebbe cercare doti fuoristradistiche estreme oppure prestazioni stradali da primato. Ci sono altre moto per questo, sia nell’universo BMW sia in altri brand concorrenti.

Grande e protettiva

Appena si sale in sella la sensazione è molto buona: rispetto alla BMW F 850 GS standard la seduta è più distante dal suolo per via della differente sella che offre un’imbottitura più corposa, il serbatoio è più grande (ben 23 litri ) e il manubrio offre una diversa piega, che lo rende più alto e perfetto per la guida in piedi sulle larghe pedane. Il cupolino è più esteso e - soprattutto - è regolabile in altezza. La protezione dall’aria è ottima anche a velocità autostradali e il voluminoso serbatoio non crea problemi al pilota ma, anzi, trasmette una gradevole sensazione di protezione. La leva del cambio è regolabile in altezza e quella del freno può essere “spessorata”, in modo da risultare più comoda nella guida in piedi. Resta comunque una corsa piuttosto lunga, che emerge nell’uso con gli stivali da off-road. A livello telaistico non ci sono variazioni rispetto alla F 850 GS : la forcella Showa, non regolabile, ha una corsa di 230 mm mentre l’ammortizzatore ZF ne offre 215. La taratura di serie è perfetta in fuoristrada mentre su asfalto risulta un po’ morbida. Una scelta presumibilmente fatta per non creare grattacapi a un utente “tipo” che potrebbe essere un neofita del fuoristrada e non uno smanettone da asfalto. Un set up troppo rigido, infatti, in off-road potrebbe mettere in difficoltà i meno esperti. Il sistema ESA (opzionale) lavora solo sul posteriore: il suo comportamento è pressoché perfetto in tutte le configurazioni possibili. Completano l’allestimento i paramani, un portapacchi in alluminio e una protezione motore.

Continua a leggere l'articolo completo di fotogallery su DUERUOTE.IT

 

 

 

 

BMW F 850 GS Adventure, globetrotter totale
BMW F 850 GS Adventure, globetrotter totale

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.